Azora Rais, alla scoperta dei suoi suoi quadri

Azora Rais, alla scoperta dei suoi suoi quadri


 
 
Azora Rais ha tanti diversi talenti ed è da sempre sospesa tra arte e spettacolo. Ci sono le sue canzoni (incluse in compilation importanti come "Dance Planet", "M2o dance compilation", etc), ci sono i suoi libri come scrittrice ("Oroscopo intimo" e tra poco "Tutto per invidia") e c'è la sua consolidata esperienza come modella. Ha posato, tra gli altri, per Bruno Oliviero, fotografo delle dive e pure come playmate per Playboy Italia Special Black Edition (2018). Come se non bastasse, è stata pure attrice in "Distretto di Polizia 4"'.
 
Ma c'è un altro lato di Azora Rais, ovvero i suoi quadri. Qui potete dare un'occhiata a tre suoi dipinti realizzati ad olio: dall'alto a sinistra in senso orario, "Autoritratto", una foto di Azora, "Lo sviluppo femminile" e "La foresta". "Quando studiavo a Sofia, nella scuola in cui ha studiato anche Re Boris (ex ginnasio maschile "George Rakovski"), ero molto brava in Scienze Umanistiche.", racconta Azora. 
 
Cosa studiavi allora? 
 
"Si studiavano pittura, musica, storia e letteratura. Quando realizzavo un quadro, la mia insegnante Sofi Koen rimaneva stupita. Secondo lei i miei quadri erano davvero originali. Non mi sono iscritta all'Accademia di Belle Arti come mi aveva consigliato lei, ma la pittura è rimasta una mia passione. E come in ogni cosa, è importante l'amore con cui fai le cose, non soltanto la tecnica. Un quadro ti deve toccare il cuore, deve essere un punto di vista e non una semplice copia di un soggetto.
 
Ti ricordi il primo quadro che hai fatto?
 
Era un vaso di rose. Avevo circa 6 anni, ero in prima elementare. Questo quadro piacque talmente tanto alla mia insegnante che lo esibì davanti a tutta la scuola. Avevo disegnato le rose come dei draghi che avevano una bocca piena di spine. Era semplicemente il modo in cui da bambina vedevo le rose. Quando ci fecero disegnare l'eclissi, io disegnai un sole che sanguinava davanti ad una piccola figura maschile che lo guardava. Qualcuno allora pensò che avevo copiato chissà quale pittore futurista... ma io nemmeno sapevo che ci fosse un tale movimento pittorico, a quell'età.
 
Quindi la tua passione per la pittura va avanti fin da quando eri bambina?
 
Sì. Tutte le nostre passioni iniziano quando siamo bambini o non cominciano mai. Oggi ho l'idea di creare una galleria virtuale senza nomi in modo che la gente possa scegliere un quadro che tocca la loro anima senza farsi influire dal nome del pittore che l'ha dipinto. Tanti comprano un quadro solo perché il pittore va di moda e ha probabilmente un forte gallerista alle spalle. Invece l'arte deve essere una scelta dell'anima, non del portafoglio. L'arte non si compra, si vive.
 
https://www.instagram.com/azorarais_lozanovazornitza/
https://www.azora.it/

Articoli correlati

News

Jaywork Music Group continua a cercare nuovi talenti

20/09/2021 | lorenzotiezzi

      jaywork music group gestisce tante diverse label ed è attiva sul mercato italiano ed internazionale ormai dal lontano 1998. I generi musicali  proposti da...

News

Sandro Murru Kortezman - Il 17 settembre già Sold Out la cena della Terrazza del Lazzaretto - Cagliari

17/09/2021 | lorenzotiezzi

    come ogni venerdì, anche il 17 settembre di questa strana estate 2021 che sta finendo, il dj producer sardo sandro murru kortezman è alla la terrazza del lazz...

News

ARRIVA IL "PREMIO EVA3000 CATAJO 2021" SUI MIGLIORI PROGRAMMI TV

17/09/2021 | lorenzotiezzi

      la premiazione si svolgerà martedì 21 settembre presso il castello del catajo (padova) .   presenteranno l'evento iva zanicchi e beppe convertini, ospi...

423830 utenti registrati

16941879 messaggi scambiati

9534 utenti online

15187 visitatori online